#LaScuolaNonSiFerma

Fondi regionali

Ecco i fondi stanziati da alcune regioni italiane per sviluppare i progetti di didattica a distanza

Bandi regionali
Molte regioni italiane si stanno adoperando per aiutare i propri cittadini a far fronte all'emergenza COVID 19 anche nell'ambito della didattica a distanza.

Ecco un elenco delle regioni più virtuose che hanno stanziato alcuni fondi per aiutare le famiglie con i loro acquisti.
Fondi regionali Lombardia
Regione Lombardia
16.5 M
Con la delibera n. XI/ 2999 del 30/03/2020 Regione Lombardia ha stanziato risorse pari a 16,5M Euro da destinare alle famiglie per affrontare le difficoltà economiche che stanno vivendo in questo momento. Al suo interno uno specifico Contributo e-learning: si tratta di un contributo straordinario una tantum pari all’80% delle spese sostenute fino ad un massimo di 500€ per l’acquisto della strumentazione tecnologica necessaria alla didattica on line (pc fisso o portatile o tablet con microfono e fotocamera) destinato a ogni nucleo familiare con figli in obbligo scolastico.

Scopri di più →

Scopri il pacchetto famiglia →
Fondi regionali Piemonte
Regione Piemonte
In Piemonte la misura di bonus per i dispositivi per la teledidattica fa parte del Voucher Scuola 2020-2021. Sono previsti 150 euro per la scuola secondaria di primo grado e 250 euro per quella di secondo grado per l'acquisto di PC, tablet, stampanti, e reader. Esistono due tipi di voucher: uno destinato a "iscrizione e frequenza" e un altro per i "libri di testo" e, più in generale, materiale didattico e dotazioni tecnologiche funzionali all'istruzione.

La richiesta può essere fatta dalle famiglie con ISEE inferiore a 26mila euro per gli studenti iscritti all'anno scolastico 2020/2021 e che non abbiano già conseguito un titolo di studio di scuola secondaria. Online è disponibile la lista per comune degli esercizi commerciali e delle istituzioni presso cui è possibile spendere il voucher.

La domanda per il contributo può essere presentata solo online fino al 10 giugno alle 23.59. Bisogna accedere alla piattaforma Sistema Piemonte con le credenziali della piattaforma o lo SPID indicando un numero di telefono valido e una casella di posta elettronica al cui indirizzo saranno inoltrate le informazioni sull'esito della richiesta per l'assegnazione del voucher.
Fondi regionali veneto
Regione Veneto
1.2 M
La Giunta regionale, in attuazione delle politiche regionali e in considerazione delle misure adottate a livello nazionale per il contenimento e la gestione dell'emergenza epidemiologia da COVID-19 che hanno previsto, tra le varie misure, la temporanea sospensione delle attività didattiche delle scuole di ogni ordine e grado su tutto il territorio nazionale, intende favorire la realizzazione di attività formative in modalità di "formazione a distanza" (FAD) delle attività rientranti nell'offerta formativa a riconoscimento regionale. Il sistema dell'Istruzione e Formazione Professionale (IeFP) riveste nella Regione un ruolo di primaria importanza nel concorrere alla riduzione del tasso di abbandono scolastico, offrendo una formazione in linea con le esigenze del mercato del lavoro e consentendo ai giovani di inserirsi velocemente nel mondo del lavoro.

I progetti per cui viene presentata richiesta di contributo regionale non devono avere scopo di lucro e devono essere finalizzati a fornire strumenti utili, in questo periodo di emergenza sanitaria, ad assicurare la prosecuzione dell'attività didattica attraverso la modalità della FAD, essenziale per non interrompere il percorso di apprendimento. Il totale del finanziamento ammonta a 1,2M Euro.
Fondi regionali liguria
Regione Liguria
7 M
7M di euro di voucher per le famiglie per dare una risposta incisiva alle esigenze legate al settore scolastico e socio-assistenziale emerse in questa fase di emergenza. Li ha stanziati la Giunta regionale, tramite il Fondo Sociale Europeo, su proposta degli assessori Ilaria Cavo (Istruzione) e Sonia Viale (Sociale).

Tre milioni e mezzo sono ricavati dall’asse Istruzione del Fse, e sono funzionali a garantire il diritto allo studio: verranno assegnati alle famiglie con figli studenti per l’acquisto di tablet, device e/o traffico dati per consentire a chi ha più bisogno di poter seguire le lezioni a distanza.

A loro volta questi 3,5 milioni di voucher saranno così ripartiti:
• 1,5 milioni alle famiglie con figli iscritti alla scuola statale
• 1 milione alle famiglie con figli iscritti alla scuola paritaria di ogni ordine e grado;
• 1 milione alle famiglie con figli iscritti alla Istruzione e Formazione Professionale (Iefp), Its e corsi di formazione professionale.


Per tutte e tre le graduatorie il 30 per cento delle risorse sarà destinato agli studenti disabili o affetti da disturbi dell’apprendimento (Bes, Dsa, legge 104).
Il valore massimo del voucher sarà di 500 euro: la famiglia potrà scegliere se acquistare (o farsi riconoscere l’acquisto già effettuato) un device o se chiedere il pagamento del traffico dati; per la fascia della disabilità il voucher potrà arrivare a un massimo di 600 euro.
Saranno ammesse le domande delle famiglie con reddito Isee inferiore a 30mila euro.
Gli altri 3 milioni e mezzo sono attinti dall’asse Inclusione del Fondo Sociale Europeo, e sono destinati alle famiglie che hanno a carico studenti disabili la cui frequentazione ai servizi scolastici e formativi è stata sospesa per l’emergenza Covid-19 e/o minori disabili, adulti disabili, persone non autosufficienti (anziani/pazienti affetti da patologia psichiatrica) iscritti ai servizi semiresidenziali sociosanitari la cui frequentazione è stata sospesa per l’emergenza Covid-19.
Di questi 3,5 milioni, 500mila sono stanziati per l'acquisto di attrezzature informatiche che consentano il collegamento tra le famiglie e gli operatori dei centri semiresidenziali chiusi.
Fondi regionali liguria
Regione Puglia
7 M
La Regione Puglia, con la delibera n.517 del 08/04/2020 recante oggetto: Misure a seguito dell’emergenza sanitaria da COVID-19 in tema di Diritto allo studio, Sistema integrato di educazione e istruzione dalla nascita sino ai sei anni, Università della Terza età. Istituzione nuovo capitolo di spesa e variazione compensativa bilancio di previsione per l’esercizio finanziario 2020, nell’ambito della stessa Missione-Programma-Titolo(ex art.51, co 2 D.lgs. n. 118/2011), ha previsto tra le altre, le seguenti azioni:

- utilizzare parte delle somme disponibili sul capitolo UO911070 per il Piano regionale per il Diritto allo studio 2020, comprendente alcuni servizi non attivabili dai Comuni nel periodo di emergenza sanitaria Covid-19, ammontanti a 2 milioni di euro, per finanziare alle Istituzioni scolastiche interventi finalizzati a garantire il Diritto allo studio attraverso il sostegno alla “didattica a distanza”, a beneficio degli alunni/e e studenti/esse inseriti nel sistema scolastico e appartenenti a famiglie in condizione di maggiore fragilità economica, anche attraverso la fornitura di strumenti informatici per la fruizione delle piattaforme per l'apprendimento a distanza, nonché della necessaria connettività di rete e la relativa assistenza all’utilizzo e procedere al riparto della suddetta somma pari a 2 milioni di euro tra le Istituzioni scolastiche pugliesi di ogni ordine e grado, assegnando i contributi regionali proporzionalmente rispetto agli importi assegnati dal Ministero dell’Istruzione determinati sulla base dei criteri di cui all’art. 1 del Decreto Ministeriale n. 187 del 26 marzo 2020 (cfr. Allegato 1 al decreto).

L’effettiva e regolare spesa di dette somme e l’esito degli interventi dovranno essere attestati dalle Istituzioni scolastiche, nei termini e secondo quanto stabilito dalla Sezione Istruzione e Università in sede di riparto, impegno e liquidazione delle risorse.

Bari, stanziati 500mila euro per acquistare device agli studenti
La giunta comunale barese ha approvato una delibera con la quale si dispone lo stanziamento di 500.000 euro per l’acquisto di dispositivi tecnologici e schede di connettività da distribuire alle famiglie meno abbienti, i cui figli sono iscritti presso le scuole di primo e secondo grado della città di Bari, secondo una ricognizione sul territorio effettuata con la collaborazione dei dirigenti scolastici.

Scopri di più →
Fondi regionali Campania
Regione Campania
21 M
Il Presidente Vincenzo De Luca ha presentato il piano sociale per la Campania: una serie di misure che quotano circa 600M di Euro per far fronte alle difficoltà causate dal Covid-19, in particolare 270 milioni sono destinati alle politiche sociali per essere ancora più vicini alle persone più fragili.
I fondi a disposizione per scuole e famiglie ammontano a 21 milioni.
Gli ambiti territoriali, oltre ai 33 milioni già anticipati, riceveranno ulteriori 60 milioni per rendere i tempi di erogazione delle risorse più veloci possibili.

Fondi regionali Lazio
Regione Lazio
La Regione Lazio ha previsto un contributo una tantum di 250 euro a sostegno degli studenti universitari privi dei necessari strumenti per la teledidattica.

Per farne richiesta è necessario risiedere nel Lazio, avere un ISEE non superiore ai 20mila euro, risultare iscritti all'anno accademico 2019/2020 in un'università statale o non statale della Regione e aver effettuato un acquisto del dispositivo (PC, notebook, tablet, schede SIM, router, etc) tra il 1° febbraio e il 31 agosto 2020.

La misura termina all'esaurimento delle risorse finanziarie stanziate dalla Regione Lazio. La richiesta può essere inoltrata solo attraverso il portale dedicato.
Fondi regionali Campania
Regione Sicilia
970 K
L'iniziativa dell'assessorato regionale all'Istruzione e alla formazione professionale è orientata al potenziamento della didattica on-line e dispone l'erogazione immediata di contribuiti, a favore degli istituti scolastici medi e superiori, per l'acquisto, il noleggio o il comodato d'uso di computer portatili, tablet e dispositivi mobili idonei all'apprendimento in modalità FAD, che saranno messi a disposizione di studenti il cui reddito familiare ISEE non sia superiore ai 30 mila euro. Il contributo è altresì cumulabile con analoghe misure previste dal decreto Cura- Italia.

Le istanze possono essere presentate dai Dirigenti scolastici, per un importo massimo di €2.500, ed inviate già da oggi, a mezzo pec, al competente ufficio del Dipartimento regionale dell'Istruzione e della formazione professionale, sul cui sito la circolare è già disponibile. Le richieste avanzate dagli Istituti saranno immediatamente processate ed ammesse nell'ordine cronologico di presentazione, fino alla disponibilità dell'attuale stanziamento di 970 mila euro.

Inoltre, al fine di sostenere il sistema delle scuole paritarie danneggiato dall'interruzione dei pagamenti delle rette ed afflitto da evidenti problemi gestionali ed occupazionali, l'assessore Lagalla ha disposto l'erogazione, senza ulteriori formalità, se non la presentazione di semplice istanza entro il prossimo 6 aprile, di una anticipazione pari al 40% delle previsioni di bilancio relative all'anno scolastico 2019-2020. Sarà così trasferito al settore dell'istruzione privata convenzionata un primo ed anticipato importo pari a circa €1.300.000.


Scopri di più →
Hai domande?
Contattaci
Andrea Ravelli
Education Area Manager Nord
+(39) 334 79 05 744a.ravelli@cecspa.com
Ubaldo Luciani
Education Area Manager Centro
+(39) 339 39 90 641u.luciani@cecspa.com
Antonio Cornelio
Education Area Manager Sud
+(39) 331 71 03 494a.cornelio@cecspa.com
Emanuele Silvestri
Education Area Manager Isole
+(39) 375 59 90 016e.silvestri@cecspa.com
Resta aggiornato sui fondi dedicati alla tua regione
Ci teniamo ai tuoi dati. Leggi i nostri Termini & Condizioni
Grazie! Abbiamo ricevuto la tua richiesta
Oops! Something went wrong while submitting the form.
Thank you! Your submission has been received!
Oops! Something went wrong while submitting the form.